PREVENZIONE E CURA DENTALE

Un valida igiene orale, ottenuta attraverso la rimozione della placca batterica, rappresenta un fattore chiave nel mantenimento della salute del cavo orale. La placca batterica o biofilm è, infatti, la causa prima di gengiviti, malattia parodontale e carie. La sinergia tra spazzolino, filo interdentale, scovolini e dentifrici fluorati è la migliore arma preventiva contro quasi tutte le problematiche del cavo orale.

Lo scovolino per i denti

scovolini per i denti

Gli scovolini sono indicati per le superfici interprossimali adiacenti a spazi interdentali ampi, apparecchi ortodontici, protesi fisse, impianti, splintaggi, mantenitori di spazi, forcazioni delle radici esposte.

Procedura:

Scegliere uno scovolino con diametro adeguato. Inumidire lo scovolino e inserirlo con una angolatura adatta all’anatomia gengivale. Farlo passare avanti e indietro.

Il filo interdentale

L’uso efficace del filo interdentale contribuisce alla salute gengivale rimuovendo il biofilm e riducendo il sanguinamento. In commercio esistono vari tipi di filo interdentale: ceratonon cerato, il nastro, il floss e le forcelle. Per la maggior parte dei pazienti i risultati migliori possono essere ottenuti utilizzando il filo interdentale prima dello spazzolamento dei denti.

Procedura:

Tenere 30-40 cm di filo interdentale tra pollice e indice per l’inserzione tra i denti dell’arcata superiore. In alternativa tenere il filo tra i pollici. Per l’arcata inferiore direzionale il filo in basso guidando con gli indici. Passare lentamente il filo tra i denti con un movimento di scorrimento lento, avanti e indietro. Curvare il filo attorno al dente a formare una “C”. Premere fermamente il filo contro il dente. Muovere delicatamente sotto la gengiva. Premendo scorrere il filo su e giù. Iniziare con la superficie dei denti posteriori.

 

usare filo interdentale

Il colluttorio

colluttorio denti
colluttorio clorexidina

Gli sciacqui con collutori aiutano a prevenire la carie dentale, riducono l’infiammazione, prevengono le gengiviti e riducono l’alitosi, remineralizzano le lesioni cariose precoci. Sono utili nelle terapie post-trattamento chirurgico.

I collutori con fluoro:

  1. Prevengono la carie dentale
  2. Riducono l’ipersensibilità dentinale
  3. Remineralizzano le lesioni cariose precoci

I collutori con clorexidina:

  1. Riducono la vitalità del biofilm esistente
  2. Inibiscono e riducono lo sviluppo di gengiviti

La clorexidina ha un potere battericida.È importante utilizzare i collutori con clorexidina con una concentrazione adeguata al problema.

La Clrexidina al 0,2% è consigliata:

  1. Nella prevenzione di alveoliti dopo estrazioni, granuloma dentale, cisti
  2. Prima e dopo interventi chirurgici
  3. Prevenzione di infezioni nei portatori di protesi fisse e mobili
  4. Afte orali
  5. Parodontiti
  6. Traumi dentali

Clorexidina al 0,05% - 0,12% è consigliata:

  1. Per il trattamento dell’alitosi
  2. Per prevenire la carie e gengiviti
  3. Terapia di completamento nel trattamento della xerostomia.

Lo sciacquo deve durare dai 15 ai 60 secondi a seconda delle concentrazione di clorexidina.

  1. 15 secondi clorexidina al 0,3%
  2. 30 secondi clorexidina al 0,2%
  3. 60 secondi clorexidina al 0,12% 0-,5%

In genere gli sciacqui con clorexidina devono essere eseguiti, dopo aver spazzolato i denti, al massimo due volte al giorno per un periodo di 14-21 giorni. Il dosaggio usuale è di 15ml (un cucchiaio da tavola) non diluito. Non risciacquare e non mangiare dopo l’uso.

I collutori con oli essenziali

Hanno un potere battericida, comunque limitato se si considerano le concentrazioni utilizzabili nei comuni collutori che si trovano in commercio

  1. Riducono il biofilm
  2. Riducono le gengiviti

Alcuni collutori sono controindicati per i bambini, è bene controllare le istruzioni del produttore per i limiti di età che variano a seconda del prodotto. È controindicato nei bambini troppo piccoli che hanno la tendenza a inghiottire il prodotto, invece di sputarlo. È controindicato nei pazienti con handicap fisici o mentali, che non siano in grado di seguire le istruzioni. Dopo un intervento chirurgico lo sciacquo deve essere lento e delicato per non rimuovere anticipatamente i punti di sutura. Prima di utilizzare un collutori è bene chiedere il parere dell’odontoiatra o dell’igienista dentale.

Se vuoi fissare un appuntamento presso il nostro studio

Il fluoro

L’OMS (l’organismo mondiale della sanità) raccomanda la fluoro profilassi, ossia la prevenzione della carie attraverso l’utilizzo del fluoro. Ad oggi l’effetto preventivo del fluoro dopo l’eruzione dei denti, attraverso la via di somministrazione topica (dentifrici, collutori, gel, vernici fluorate) è considerata più efficace rispetto a quella ottenuta attraverso la somministrazione sistemica (pastiglie o gocce al fluoro). Le sigillature dei solchi dei molari permanenti dopo l’eruzione, intorno ai 6 anni di età, prevengono la carie delle superfici masticatorie.

Dentifricio e Spazzolino

quale dentifricio usare
spazzolino manuale o elettrico

DENTIFRICIO

Dai 6 mesi ai 6 anni di età, la fluoroprofilassi può essere effettuata attraverso l’uso di un dentifricio contenente almeno 1000 ppm di fluoro, 2 volte al giorno, in dose pea-size. In seguito è possibile utilizzare dentifrici contenenti fluoro fino a 1450 ppm

LO SPAZZOLINO MANUALE

La sinergia di spazzolino, filo, dentifricio è l’arma più efficace per prevenire carie e disturbi gengivali.

Procedura

Le setole dello spazzolino devono pulire i denti con un movimento dall’alto al basso per l’arcata superiore e dal basso verso l’alto per l’arcata inferiore. Lo spazzolino va collocato perpendicolarmente ai denti con una angolazione di 45° esercitando una piccola pressione, quindi ruotare il polso verso la corona con movimenti decisi ma non troppo energici.

Per pulire le superfici masticatorie è sufficiente appoggiare lo spazzolino e fare movimenti avanti e indietro. È necessario spazzolare per 3-4 minuti. Attenzione, uno spazzolamento scorretto con movimenti orizzontali o dal dente verso la gengiva facilita le recensioni gengivale e le abrasioni cervicali. È indispensabile sottoporsi a visite semestrali per un controllo delle abitudini di igiene orale domiciliare.

GLI SPAZZOLINI ELETTRICI

La riduzione della placca batterica si ottiene maggiormente con l’utilizzo di uno spazzolino elettrico con movimento rotante-oscillante.

Procedura:

È sufficiente mettere il dentifricio sulla testina, impugnare lo spazzolino e appoggiare la testina su ogni singolo dente a 45°, accenderlo e lasciare che lavori su ogni superficie per 2-3 secondi. Guidare lo spazzolino elettrico sulle superfici anteriori, posteriori e sulle superfici masticatorie.

Detersione della lingua

La lingua, per la sua conformazione, trattiene residui alimentari e placca batterica. La detersione della lingua contribuisce quindi a ridurre il rischio di carie e alitosi.

Procedura:

Spazzolare la lingua con raschietti, nettalingua o spazzolino, con movimenti delicati dalla radice verso l’esterno.

Alimentazione

Attraverso l’assunzione di cibi ricchi di vitamina D è possibile combattere l’osteoporosi, che secondo recenti studi predisporrebbe alla malattia parodontale.

Alcuni alimenti, detti cariogeni, sono fortemente nocivi perché molto acidi o ricchi di zuccheri semplici. Evitare o ridurre tali alimenti riduce il rischio di carie soprattutto nei bambini.

Le informazioni qui riportate hanno puro carattere illustrativo e non possono in alcun modo sostituire un’approfondita valutazione clinica. Ti ricordiamo che solo la visita medica rappresenta uno strumento diagnostico per un adeguato trattamento.

Se vuoi fissare un appuntamento presso il nostro studio